Ecco la ricetta degli spaghetti al miele (o “pasta cò meli“). E’ una ricetta tipica del mio paese d’origine, Butera, in provincia di Caltanissetta, ricca di miele e mandorle, che veniva preparata per la festività di San Giuseppe, una festa molto sentita nel mio paese.
Gli spaghetti al miele (questo é il formato di pasta che usava mia nonna) possono essere gustati sia caldi che freddi, ma a casa nostra venivano gustati rigorosamente freddi come il dolce che non poteva mancare per San Giuseppe, ovvero per la festa del papà.

(Ricetta realizzata da )

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Tempo di totale: 25 minuti
Ricetta per 8 persone

Ingredienti:

  • 200 gr mandorle di Avola sgusciate
  • 50 gr pan grattato
  • 250 gr miele di zagara
  • 300 gr pasta (spaghetti)
  • due cucchiaini di cannella
  • scorza di una arancia non trattata
  • sale q.b.

Preparazione degli spaghetti al miele (o “pasta cò meli“):

Ricordo mia nonna che utilizzava il suo mortaio (adesso mio) per triturare le mandorle, la cannella e la scorza d’arancia abbrustolita. Io ho voluto riprendere adesso questa ricetta facendo un percorso della memoria, cercando di ricordare profumi e sapori della mia tradizione. A dire il vero é una ricetta che, forse per motivi campanilistici, non si é mai diffusa neanche tra i paesi limitrofi.

La preparazione del condimento a base di mandorle

Inizia la preparazione tritando le mandorle sgusciate, preferibilmente utilizzando un mortaio, oppure usando un tritatutto o un robot da cucina.
Se non trovi le mandorle di Avola ovviamente puoi utilizzare quelle che riesci a trovare. Fai attenzione a non tritare eccessivamente le mandorle, fino a farle diventare farina. Per una buona riuscita é importante sentire in bocca la croccantezza delle mandorle.
Similmente puoi utilizzare il mortaio per quanto riguarda la cannella.

mandorle sgusciate

Utilizzando una padella, meglio se antiaderente, esegui la tostatura del pan grattato e delle mandorle. Aiutati con un mestolo di legno per evitare di bruciarle (e di rovinare la padella).

pan grattato

mandorle tritate e pan grattato tostati

Taglia a strisce sottili la scorza di arancia (mi raccomando, assicurati che non sia trattata), e disponile in una teglia. Utilizza il forno per “tostare” le scorze d’arancia, facendo attenzione a non bruciarle. Se non vuoi accendere il forno puoi alternativamente utilizzare una padella.

scorze d'arancia tostate

Se hai il mortaio, schiaccia leggermente le scorze di arancia tostate, così da favorire l’uscita delle sostanze dalle scorze, per aumentare il profumo. Se non hai il mortaio, tagliale a pezzettini con un coltello, comunque dopo averle tostate.

La cottura della pasta e l’aggiunta del miele

Comincia a cucinare la pasta, in abbondante acqua salata. Per il tempo di cottura fai riferimento a quanto indicato nella confezione.

Durante la cottura della pasta, nella stessa padella che hai utilizzato per far tostare le mandorle, fai sciogliere il miele…

miele

… facendo attenzione a non farlo bruciare, va soltanto reso fluido.

miele sciolto

Una volta completata la cottura, scola con attenzione gli spaghetti. Provvedi quindi a “mantecarli” nella padella dove hai sciolto il miele.

spaghetti scolati con il miele

Una volta che il miele si é uniformemente distribuito tra gli spaghetti, aggiungi le mandorle ed il pan grattato che hai tostato in precedenza. Quindi aggiungi la cannella che hai ridotto in polvere.

ricetta spaghetti al miele

Per ultimo aggiungi agli spaghetti le scorze di arancia tostate, mescolando il tutto per bene. Se vuoi puoi conservarne un piccolo quantitativo per disporlo come decorazione sugli spaghetti o a lato nel piatto di portata.

I tuoi spaghetti al miele (o la tua “pasta cò meli“) sono adesso pronti da gustare.

In effetti ci sono due scuole di pensiero per quanto riguarda il “come” mangiarli: alcuni li considerano alla stregua di un “primo”, altri alla stregua di un “dolce”. Se vuoi gustarli come primo, ovviamente puoi gustarli non appena pronti. Se invece preferisci gustarli come “dolce”, devi aspettare che gli spaghetti al miele siano prima freddi.

spaghetti al miele o "pasta 'cu meli"

Fammi sapere se gli spaghetti al miele (o la tua “pasta cò meli“) ti sono piaciuti: come primo o come dolce?

Commenti

commenti