Un secondo gustoso, ricco ma semplice e veloce: il salmone in crosta di pane. Se hai degli ospiti a cena, e non hai il tempo di preparare un pasto elaborato, questa facile ricetta ti permette di ottenere dei buoni risultati, sia nel sapore che nell’aspetto. Ma anche se non hai degli ospiti, puoi comunque realizzare questa ricetta tutte le volte che vuoi. E’ un modo ottimo per gustare il buon salmone, ricco di “omega 3” e di grassi polinsaturi, che viene reso “croccante” dalla crosta di pane ed arricchito dal formaggio spalmabile.

(Ricetta realizzata da )

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Tempo totale: 30 minuti
Ricetta per 4 persone

Ingredienti:

  • 4 tranci di salmone
  • 100 gr formaggio spalmabile
  • 80 gr mollica di pane o pane in cassetta
  • olio
  • sale q.b.

A piacere:

  • prezzemolo
  • erba cipollina
  • scorza d’arancia o di limone (non trattata)

Preparazione del salmone in crosta di pane facile e veloce:

A differenza di altre ricette “in crosta” più complicate da preparare (ad esempio quando il salmone viene completamente avvolto da uno strato di pane o di pasta sfoglia), in questo caso il ruolo della “crosta di pane” viene ricoperto dalla semplice mollica. Questa, una volta aromatizzata dalla scorza d’arancia, formerà uno strato “croccante” dopo la cottura.

La preparazione del salmone e del Philadelphia

Cominciamo con la preparazione del pesce: il salmone é un pesce abbastanza grosso, che viene spesso venduto in tranci. Ciò fa si che l’antipatica operazione legata alla pulizia del pesce in questo caso si riduce ad una veloce risciacquata dei tranci sotto acqua corrente. Se vuoi puoi anche eliminare la pelle dai tranci, ma io preferisco non rimuoverla, nel caso del salmone, e lasciare la scelta se levarla o meno a chi gusterà il piatto.

Fodera il fondo di una pirofila con della carta forno. Quindi disponi i tranci di salmone. Se non hai della carta forno, puoi semplicemente oliare il fondo della pirofila.

Per rendere il piatto più gustoso, puoi preparare un composto aggiungendo al formaggio spalmabile (tipo il Philadelphia) del prezzemolo fresco, lavato e tritato, dell’erba cipollina ed un pizzico di sale.
Conserva una parte del prezzemolo (o dell’erba cipollina) per la decorazione.

Spalma quindi il composto così ottenuto (oppure semplicemente il formaggio spalmabile, se preferisci) sui tranci di salmone.

salmone in crosta di pane

Ovviamente puoi anche sostituire il prezzemolo e/o l’erba cipollina con delle altre spezie. Non ti resta che dare sfogo alla tua fantasia, e fare delle prove utilizzando degli ingredienti alternativi che possono “sposarsi” col sapore del salmone! 😉

L’aggiunta del condimento

Lava quindi l’arancia (o il limone) e, utilizzando una grattugia, grattane la scorza, facendo attenzione a non grattare anche la parte bianca. Assicurati che l’arancia o il limone non sia stato trattato (meglio ancora se proviene da una coltivazione biologica) poiché ne stai andando ad utilizzare la scorza, ovvero la parte dove c’e’ la maggiore concentrazione di antiparassitari.

Prepara la mollica, mescolandola con la scorza che hai appena grattugiato. Se non hai della mollica, puoi sbriciolare delle fette di pane in cassetta (o pancarrè). In alternativa puoi anche grattugiare direttamente l’arancia sul contenitore con la mollica, come ho fatto io.

salmone in crosta di pane

Adagia la mollica sopra i tranci di salmone, quindi aggiungi un filo d’olio ed un pizzico di sale.

salmone in crosta di pane

salmone in crosta di pane

La cottura del salmone in crosta di pane

Accendi il tuo forno, regola la temperatura a 200° ed aspetta che la temperatura venga raggiunta. Quindi inforna la pirofila con il tuo salmone in crosta di pane per 20 minuti circa.

Estrai la pirofila dal forno e disponi ogni trancio del tuo salmone in crosta di pane in un piatto separato.
Puoi decorare il piatto utilizzando del prezzemolo o dell’erba cipollina che avevi messo da parte.

salmone in crosta di pane

Buon appetito, e fammi sapere se il il salmone in crosta di pane ti é piaciuto e cosa ne hanno pensato i tuoi commensali! Hai provato a cambiarne gli ingredienti?

Commenti

commenti