Fra i tanti pezzi di tavola calda, le pizzette sono tra i pezzi più classici della rosticceria siciliana e piacciono proprio a tutti anche ai bambini più piccoli e capricciosi. Sono pratiche e comode perché le puoi prortare con te quando fai un picnic o fai una gita al mare, e se fai piccoli pezzi puoi utilizzarli per festicciole o aperitivi.

(Ricetta realizzata da )

Tempo di preparazione: 4 ore 30 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Tempo totale: 4 ore 50 minuti
Ricetta per 18 pezzi medi

Ingredienti per l’impasto delle pizzette siciliane:

  • 500 gr di farina Manitoba
  • 500 gr di farina 00
  • 80 gr di zucchero
  • 20 gr di sale
  • 150 gr di strutto
  • 500 ml di latte tiepido
  • 1 panetto di lievito di birra,o una bustina di lievito di birra disidratato.

Ingredienti per farcire le pizzette siciliane:

  • 600 gr circa di mozzarella
  • passata di pomodoro q.b.
  • 18 olive nere ( facoltative)
  • origano q.b. (facoltativo)

Preparazione delle pizzette siciliane:

Prepariamo la pasta per le pizzette

In una ciotola capiente aggiungi le due farine il sale e lo strutto e incomincia ad impastare.
Riscalda il latte e fai sciogliere il lievito e lo zucchero al suo interno e aggiungilo poco alla volta, impasta il tutto per circa 20 minuti energicamente.
Quando l’impasto sarà ben amalgamato e non si attaccherà più alla ciotola, forma una palla ed incidi sopra una croce.
Metti la palla di impasto dentro una ciotola e coprila e lascia lievitare per circa due ore.

Dopo che hai preparato e ben lavorato l’impasto per tavola calda, e trascorso il tempo di lievitazione possiamo realizzare le nostre pizzette siciliane.
Se non hai mai realizzato questo tipo di impasto e vuoi vedere come prepararlo puoi seguire la ricetta sempre realizzata con foto passo passo, clicca sul seguente link “ impasto per tavola calda “.

pasta per tavola calda siciliana

Passiamo alla pezzatura delle pizzette siciliane.

Scelta della dimensione delle pizzette

Io in questa ricetta ho realizzato delle pizzette della dimensione più grande creando tanti panetti del perso di 100 gr ciascuno.
Se vuoi dei pezzi di media dimensione realizza i panetti del perso circa 40 o 50 gr. ciascuno.
In alternativa puoi anche realizzare dei pezzi più piccoli da offrire come aperitivo, allora considera i panetti del perso di 20 o 30 gr. ciascuno.
Eventualmente se non vuoi perderti in infinite preparazioni puoi stendere tutto l’impasto suddividendolo successivamente con l’aiuto di un coppapasta del diamentro di 3-4 cm circa, così realizzerai delle pizzette tutte della stessa dimensione.

pasta per tavola calda siciliana

Stesura dell’impasto delle pizzette

Dopo aver suddiviso l’impasto forma dei cerchi di circa 7 cm ciascuno di diametro schiacciando ed allargando i panetti con le mani.
Non lavorare o stendere troppo l’impasto perché la pizzetta non devono risultare troppo sottile. Preché altrimenti a cottura ultimata risulterebbe molto croccante mentre deve rimanere ben gonfia e morbida.

base per la bomba

Dopo aver steso l’impasto e aver dato la classica forma rotonda aggiungi sopra del pomodoro fresco o qualche cucchiaio di passata di pomodoro.

base per cartocciata

Lascia riposare le pizzette a forno spento e chiuso per circa due ore. Questo permetterà alla pizzetta di lievitare ulteriormente riprendendo il volume perso durante la precedente lavorazione.

pizze spennellate con uovo

Trascorso questo tempo riscalda il forno a 180 gradi. Spennella un uovo sui bordi delle pizzette con l’aiuto di un pennello da cucina, quando il forno sarà caldo infornate per circa 20 minuti.
Trascorso questo tempo le tue pizzette siciliane saranno pronte. Disponi sopra delle fette di mozzarella, lascia che si sciolgano e aggiungi se ti piace un oliva e dell’origano.
Queste sono le pizzette siciliane classiche, se vuoi puoi aggiungere anche altri ingredienti per rendere ancora più gustose queste pizzette come: i Würstel, o le patatine fritte, le melanzane fritte, ecc.

pizzette siciliane

Servi tiepide e Buona degustazione.

Ti è piaciuta la ricetta delle pizzette siciliane? Facci sapere.

Commenti

commenti